Antonio Pappano e l’attualità di Otello

musica

In uscita per Sony Classical International “Verdi:Otello”con Jonas Kaufman, Federica Lombardi e Carlos Alvarez

di Grazia Lissi

default onloading pic

In uscita per Sony Classical International “Verdi:Otello”con Jonas Kaufman, Federica Lombardi e Carlos Alvarez

3′ di lettura

Un maestro nella leggenda della lirica e Giuseppe Verdi per un gioco d’intesa inequivocabile. Basta ascoltare Sir Antonio Pappano ogni volta che sale sul podio. Per tutti i fan verdiani, per chi ama il direttore britannico con cittadinanza italiana, è in uscita per Sony Classical International “Verdi: Otello” protagonista Jonas Kaufmann nel ruolo del titolo, Federica Lombardi è Desdemona, Carlos Alvarez Iago, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Capace di scovare infinite coloriture, una direzione sensibile e intelligente, Antonio Pappano di nuovo ci regala un Verdi inatteso e splendido.

Maestro, quando ha ascoltato Otello per la prima volta?
«Quarant’anni fa, mio padre sognava di poterlo cantare e io, al pianoforte, lo accompagnavo interpretando sia Iago sia Desdemona. Ho rincontrato “Otello” a Chicago, ne ho diretto le prove con Placido Domingo. Nel 1994, a Bruxelles, l’ho riproposto ma in forma di concerto, Giuseppe Giacomini era Otello, Barbara Frittoli Desdemona. Un esordio fortunato, con Giacomini ho capito il ritmo della parola, a basare i tempi sulla scorrevolezza della lingua italiana. L’ho diretto più volte al Covent Garden e altrove. Fra me e il capolavoro verdiano c’è una lunga storia, un legame profondo, è un’opera essenziale».

E’ la prima incisone che vede Kaufmann nel ruolo del titolo…
«Il tenore ha cantato Otello con me a Londra, poi a Monaco. E’ fedele alle indicazioni verdiane, quando il compositore scrive “pianissimo” Kaufmann lo segue, è raro trovare un artista così attento ai dettagli. Lavorare con lui è un piacere e una sfida. Federica Lombardi ha una voce bellissima, naturale, è una ragazza genuina e autentica, questo si avverte anche quando canta. Alvarez è un grande artista».

Ha inciso l’album con l’Orchestra dell’Accademia Santa Cecilia di Roma…
«Sono direttore stabile Londra, lì dirigo spesso opere italiane, volevo una mia fotografia sonora italiana, per questo ho voluto Santa Cecilia. Questa musica è stata scritta nel Bel Paese, un percorso lungo che parte da Jacopo Peri, Monteverdi tocca Rossini, Bellini, Donizetti e continua».

Jan Kott definisce Shakespeare “nostro contemporaneo”. Secondo lei, possiamo dirlo anche di Verdi?
«Tutti i grandi artisti, quale sia la loro espressività, sono contemporanei perché hanno un messaggio universale che continua nel tempo. Otello, il grande guerriero, è fragile e cade nelle mani di Iago: gelosia, stanchezza, il trauma della guerra, il razzismo che avvolgono l’opera sono temi di assoluta attualità. Verdi, come Shakespeare, ha sempre qualcosa da dire sulla società d’oggi, dobbiamo interpretarlo».
Lei è cresciuto fra Londra e l’Italia…
«Un miscuglio di culture, aggiungo anche l’americana, mi ha reso forse più confuso, sicuramente più complesso. Ogni Paese ha una sua identità precisa, in Inghilterra si sente l’amore per il teatro e la musica , la cultura dell’amateur è molto presente, sono così numerosi gli appassionati di opere, concerti. In Italia la cultura è secolare, imponente; la bellezza viene dal passato. E poi c’è la cultura dell’emigrante, che ho vissuto in casa, fatta di semplicità, povertà, di valori come la famiglia, il restare uniti. In America ho conosciuto l’importanza della professionalità, con grinta e tenacia puoi arrivare ovunque, tutto è possibile se t’impegni».

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo