Le regole che Kate Middleton e gli altri reali devono rispettare

Kate Middleton è oggi una reale «navigata», tra le preferite dei sudditi britannici. Ma per arrivare fin qui l’ex commoner ha dovuto studiare e imparare etichetta e protocollo. Perché esiste davvero un rigido galateo che i Windsor devono rispettare. Qui qualche regola che andrebbe rispettata (qualora si abbia in mente di diventare un membro della famiglia reale inglese):

1. Il Sì che conta
I primi sei in linea di successione al trono per le nozze devono chiedere permesso alla regina. Harry, che quando è andato a nozze con Meghan era sesto, l’ha fatto e ha ottenuto una risposta positiva.

Ma guai a parlare in pubblico di politica. I Windsor non votano e devono restare neutrali.

2. I cibi proibiti
Addio alle vongole e all’aragosta a Natale. Elisabetta II evita di mangiare crostacei e molluschi, per le reazioni allergiche. Così, restano fuori menu.

3. Le regole del gioco
L’ordine di successione al trono diventa la «Bibbia». Quando la famiglia reale appare in pubblico o in uno scatto ufficiale, bisogna disporsi in base alla possibilità di diventare un giorno monarca (o consorte del). Inoltre, la regina dà il ritmo a ogni evento. Se lei mangia, si mangia; se è seduta, ci si siede. E se si dorme sotto lo stesso tetto (reale), mai andare a dormire prima della sovrana.

4. Al bando i soprannomi
Kate, Wills, Charlie, Liz, non sono ammessi. Quando hai un titolo reale, devi dire addio a nomignoli e diminutivi. Sarebbero troppo informali. «Catherine, duchessa di Cambridge» è l’unico modo per rivolgersi all’ex borghese. Che ha dovuto imparare anche il giusto modo per tenere una tazza da tè.

5. Giù le mani
Ci si dovrebbe baciare in pubblico solo il giorno delle nozze. Carlo e Camilla hanno disobbedito al protocollo in tre occasioni, l’ultima nel novembre 2017 a Singapore. William e Kate nelle occasioni ufficiali non si tengono mai per mano. La regina e Filippo in 70 anni non hanno mai manifestato affetto in pubblico. Harry e Meghan hanno lungamente mostrato di voler essere l’eccezione.

6. Occhio alla testa
Sposare un reale non rende automaticamente «principesse». Da coniugata Kate Middleton è diventata «Sua Altezza Reale, principessa William di Galles», e qui il titolo è legato esclusivamente al nome del marito. Non resta che sbizzarrirsi con i cappellini, d’obbligo per gli eventi formali. Ma solo fino alle 6 pm. Dopo, la tiara.

7. Selfie addio
La regina li odia. L’ha rivelato a Tatler nel 2014: Elisabetta II li troverebbe «sconcertanti e strani». Anche Meghan ha dovuto imparato la regola (prima di dire «addio» ai Windsor): nel dicembre 2017, durante una visita ufficiale, aveva dovuto dire di no a una coppia che le chiedeva di mettersi in posa.

8. Altro che «meglio sola»
Non può più fare shopping da sola, né concedersi passeggiate in solitaria davanti alle vetrine. Kate adesso può contare su uno staff (tutto al femminile) pronto a rispondere ai suoi bisogni.

LEGGI ANCHE

Che fine ha fatto Trevor Engelson, ex marito di Meghan Markle?

9. La sobrietà prima di tutto
Vietato dipingersi le unghie con smalti colorati o troppo scuri. La regina, e le altre donne della famiglia reale, sono abbonate al rosa pallido. Meghan, nel giorno delle nozze, ha già dimostrato di non tradire il protocollo. Addio anche alle minigonne, agli shorts e a qualsiasi abito scollato. Inoltre, Sua Maestà incoraggia sempre l’uso dei collant. Le gambe nude non sarebbero chic.

10. Poveri fan
Quando sei una reale non può più firmare autografi.

11. Occhio alle gambe
Come si siede una vera principessa? Mai con le gambe accavallate.

LEGGI ANCHE

L’amicizia con Ivanka Trump potrebbe costare caro a Meghan Markle

LEGGI ANCHE

Harry d’Inghilterra e Meghan Markle vogliono Hollywood

LEGGI ANCHE

La regina Elisabetta e Camilla, la guerra è finita (e lo dimostra questa foto)

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo