«Walter Tobagi, memoria per le nuove generazioni»

Il processo per il delitto Tobagi procederà spedito per via del pentimento di uno dei due esecutori materiali, Marco Barbone (21 anni, figlio di Donato, dirigente del gruppo editoriale Sansoni controllato da Rizzoli) che svela ogni particolare. Con Paolo Morandini (figlio del critico cinematografico Morando), Mario Marano, Manfredi De Stefano, Daniele Laus e Francesco Giordano aveva organizzato e compiuto l’attentato il giorno 28 in ricordo dei quattro brigatisti, uccisi due mesi prima, il 28 marzo, in un blitz dei carabinieri a Genova. Episodio, quest’ultimo, su cui Tobagi aveva scritto uno dei suoi articoli più citati, dal titolo «Adesso si dissolve il mito della colonna imprendibile». Barbone, che sconterà poco più di tre anni, «sul piano delle dichiarazioni è apparso mostruoso, quanto alla successione di date e indicazioni nominative», dirà il pubblico ministero Armando Spataro sottolineando il ruolo cruciale del pentito.

L’esigenza di Benedetta è stata anche quella di fare chiarezza su un pezzo della storia d’Italia. Meno di un anno dopo l’assassinio, vengono scoperti gli elenchi degli affiliati alla Loggia massonica P2 nei quali compaiono i nomi dei vertici della Rizzoli e quello di Franco Di Bella, direttore del «Corriere della Sera». Nel dicembre 2003 e poi nell’estate 2004 delle interpellanze parlamentari ribadiranno che “Tobagi poteva essere salvato” e che non si era fatto abbastanza per garantirne la protezione nonostante il clima pesantissimo di quella fase. «Il contatto con tutti gli aspetti della vicenda – riflette l’autrice – era doloroso. Proprio quel periodo in cui sono riemerse vecchie polemiche mi è costato molto dal punto di vista personale. Ti trovi in una situazione in cui da una parte vuoi fare tutto il possibile perché sia fatta luce, per capire tu stessa in primis, ma anche perché la chiarezza massima è una forma di giustizia, di accertamento delle responsabilità. Spesso mi sono sentita smarrita di fronte alla tortuosità, all’incompletezza delle informazioni, alle strumentalizzazioni politiche. La decisione di scrivere un libro è maturata nel tempo ed è come se tutto poi avesse trovato un suo posto. Adesso si pubblicano volumi di storia su questi argomenti, ma le vicende del terrorismo italiano restano sempre un po’ impigliate nella cronaca…quella che per me è stata una storia personale è un tema enorme».

Nella ricostruzione colpisce l’assenza dei partiti, a cominciare dal Pci, uno dei primi bersagli del terrorismo. Non ci sono voci o testimonianze che ricordano il giornalista, un punto su cui l’autrice è molto netta: «La memoria di mio padre è stata coltivata soprattutto dal partito socialista: era un’epoca in cui ogni parte politica, ogni soggetto aveva i propri martiri. La prima volta che un esponente degli allora Ds, Beppe Giulietti, è venuto a una celebrazione, c’era già stata, appunto, la svolta della Bolognina (novembre 1989, ndr). Questa era l’Italia dei partiti, la conflittualità tra socialisti e comunisti era fortissima. Del resto ugualmente assenti furono i democristiani o i repubblicani: Tobagi era il martire del Psi. Essendo un giornalista, era un personaggio noto e molto commemorato da chi aveva idee e sensibilità vicine alle sue. Quando ho incontrato gli orfani dei poliziotti uccisi, le loro madri che hanno vissuto nella miseria e nell’oblio, mi sono resa conto della ferita e dell’umiliazione provocate da quell’esperienza. Un importante cambiamento c’è stato nel corso degli anni 2000, quando si sono creati spazi di commemorazione istituzionale che fossero comuni, ospitati in una sede alta come il Quirinale: un modo per non appiattire nell’indistinto le diverse storie e al tempo stesso coltivarne insieme la memoria».

La stessa memoria che Benedetta Tobagi vuol trasmettere ai ragazzi, andando nelle scuole, animando dei laboratori che aiutino a comprendere quel periodo: comincia dalle caratteristiche dell’Italia repubblicana, si diffonde sulla lunga stagione del terrorismo politico, spiega che cosa è stato lo stragismo anche attraverso la “Rete degli archivi per non dimenticare” o l’archivio “Flamigni”. «A me interessa che la dimensione della memoria sia il più possibile tenuta in relazione con la dimensione della conoscenza storica, della complessità degli avvenimenti. Per questo cerco sempre nuovi strumenti, materiali, percorsi», sottolinea. A 11 anni dalla pubblicazione di Come mi batte forte il tuo cuore, l’inesauribile ricchezza di documenti e inediti lasciati dal padre continua a essere un punto di riferimento, «posso riascoltarlo mentre parla con Giorgio Bocca per nove cassette destinate a un libro-intervista, o con Sciascia, o con Saragat che palesemente non vuole rispondere a una domanda… Alcune cose che avevo scoperto 12 anni fa adesso mi parlano molto di più». In conclusione, si emoziona Benedetta, la voce che si fa più bassa, «mi sento una donna molto fortunata. Negli anni ho avvertito sempre di più una vicinanza interiore con mio padre, è profondamente parte della mia vita. La sua l’hanno spezzata troppo presto, ma ciò che lui è stato continua a irraggiare».

Per approfondire:
● L’attualità della lezione di Guido Galli

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo