La nostra casa brucia meno

Nemmeno i più accesi sostenitori dell’attuazione degli accordi di Parigi per mitigare il riscaldamento globale possono gioire per la situazione che stiamo vivendo. Tuttavia è interessante fermarsi un attimo a considerare come queste due crisi siano percepite dalla gente. Da anni parliamo del problema del riscaldamento globale causato dalla massiccia immissione di gas serra nell’atmosfera, eppure, nessuno sarebbe disposto ad accettare la filosofia state-a-casa per limitare le emissioni in condizioni normali. Adesso non abbiamo scelta, ma è evidente che giudichiamo in modo diverso la crisi sanitaria rispetto a quella climatica.

Nei video che si trovano in rete gli intervistati dicono che le misure draconiane sono necessarie perché il coronavirus è percepito come un pericolo immediato che può essere scongiurato, almeno in parte, con le misure di contenimento mentre per il cambiamento climatico non c’è la stessa fretta. In altre parole, di coronavirus si può morire adesso, di cambiamento climatico, invece, si morirà (forse) tra qualche decennio, quindi non è il caso di preoccuparsi troppo.

In verità, questa percezione è sbagliata. Di cambiamento climatico si muore adesso, solo che non fa così notizia. Un documento prodotto da Public Health England, per esempio, dice che l’ondata di calore dell’estate 2019, con massimi che hanno infranto i precedenti record facendo registrare oltre 40° in diverse località del Regno Unito, ha causato un eccesso di mortalità di poco inferiore alle 900 unità. Meno della metà della catastrofica (e torrida) estate del 2003 che, sempre nel Regno Unito, aveva causato oltre 2300 decessi, e aveva fatto nascere un piano di emergenza anti-caldo. L’estate scorsa, si è arrivati al livello di allarme 3, l’ultimo prima della dichiarazione dello stato di emergenza, e vedere il grafico dei picchi della mortalità collegati con le due ondate di calore, che sono state registrate a luglio e ad agosto, è impressionante.

Legato indissolubilmente all’emissione di gas serra, causa del cambiamento climatico, è l’inquinamento dell’aria e, purtroppo, anche di inquinamento si muore. Adesso. In Cina si stimano 1 milione di morti premature all’anno a causa dell’inquinamento da polveri sottili che sono collegate all’asma oltre che a problemi respiratori e cardiaci. Che una diminuzione, anche momentanea, dell’inquinamento sia benefica è stato visto in occasione delle Olimpiadi di Pechino del 2008. Per migliorare la qualità dell’aria, solitamente pessima a causa delle emissioni di milioni ai auto e della conformazione geografica che favorisce il ristagno, a Pechino erano state chiuse le fabbriche e limitato il traffico delle auto. Il miglioramento della salute cardiovascolare dei volontari che si erano sottoposti a test prima e dopo sono risultati evidenti.

È stato stimato che l’effetto di due mesi di minor inquinamento sulla Cina potrebbe avere salvato la vita di 4mila bambini e di 73mila anziani. Sono numeri impressionanti, che fanno riflettere, anche se nessuno può neanche lontanamente immaginare che una crisi sanitaria di queste proporzioni possa essere benefica per la salute pubblica. Non si combatte l’inquinamento ed il riscaldamento globale con un virus che sta obbligando miliardi di esseri umani a non uscire di casa.

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo