Il consumo delle creme spalmabili cresce anche dopo il lockdown: a maggio vendite a +18,8%

GRANDE DISTRIBUZIONE

L’effetto scorta e le promozioni nei primi sei mesi dell’anno hanno favorito l’acquisto di prodotti come Nutella a & Co che hanno generato un fatturato aggiuntivo in Gdo pari a 67 milioni tra gennaio e metà maggio

di Manuela Soressi

default onloading picVendite record per le creme spalmabili dolci

L’effetto scorta e le promozioni nei primi sei mesi dell’anno hanno favorito l’acquisto di prodotti come Nutella a & Co che hanno generato un fatturato aggiuntivo in Gdo pari a 67 milioni tra gennaio e metà maggio

3′ di lettura

Nemmeno l’arrivo dell’estate e la fine del lockdown sono riusciti a frenare la voglia di creme spalmabili dolci. In maggio le vendite realizzate nella distribuzione sono aumentate del 18,8% a valore; il doppio rispetto al 2019, che si era chiuso con un sell-out superiore ai 403 milioni di euro (fonte Nielsen). Che il 2020 stia andando molto bene per Nutella & Co. lo conferma il loro 14esimo posto nella classifica IRI delle merceologie che hanno generato più fatturato aggiuntivo in Gdo: 67 milioni di euro in più, tra gennaio e metà maggio. E anche i volumi volano, con un 20% circa in più nei primi sei mesi dell’anno. Sicuramente l’effetto scorta che ha caratterizzato il lockdown e l’alta pressione promozionale (oltre un terzo delle vendite è fatto da prodotti in offerta) hanno spinto gli italiani a comprare più creme spalmabili dolci. E adesso conta anche il fatto che si tratta di una delle poche versioni “estive” del cioccolato, al punto che c’è chi le ha persino inserite nel freezer: G7 ha appena lanciato in Gdo le vaschette di gelato con crema spalmabile al gianduia, al pistacchio o al caramello salato.

Quadruplicate le vendite online

A farne un prodotto che esula dalla spiccata stagionalità di tavolette e praline concorre l’ampiezza delle occasioni di consumo: dalla colazione alla merenda, all’uso in cucina, come ingrediente di tante ricette di pasticceria. Un atout importante in questo 2020 di ritorno ai fornelli domestici, di riscoperta (forzata) della colazione a casa e di boom degli chef per passione. Un trend che, tra marzo e aprile, ha portato oltre 2 milioni di famiglie a tornare a consumare la Nutella (fonte GfK Consumer Panel) e ha fatto aumentare del 35% le interazioni con i social del brand.Se Nutella ha cavalcato il momento e si è “divorata” una bella fetta del mercato, anche gli altri competitor hanno comunque beneficiato del trend positivo del mercato, che ha rilanciato la competizione tra le aziende: sono ripartiti gli investimenti in advertising (come ha fatto Novi), sono arrivati nuovi prodotti (come la Crème di Rossana al Cioccolato e la Crema di noci brasiliane Damiano) e anche chi ha puntato sull’e-commerce ha colto bei risultati, come La Perla di Torino che, da maggio, ha quadruplicato le vendite online e, da Pasqua, ha visto ripartire gli acquisti dall’estero (oltre 35% del totale), in particolare da Stati Uniti e Germania.

Lo scaffale delle spalmabili è sempre più affollato

“Abbiamo reagito subito all’emergenza Covid e messo in campo nuovi servizi per rispondere ai bisogni dei clienti, come il delivery e il personal shopper in videocall – spiega la responsabile marketing Valentina Arzilli –. È importante essere sempre attivi e lavorare su nuovi prodotti e gusti”. Oltre al “fattore novità”, ad accomunare brand storici, competitor più giovani e new entry è il posizionamento nella fascia premium del mercato. Questo ha fatto crescere le vendite a valore a un ritmo doppio rispetto ai volumi e ha fatto salire del 4,3%, il prezzo medio, portandolo a 7,39 euro al kg. Ma ha anche ridisegnato la fisionomia dello scaffale, più affollato (circa 10 referenze in più in un anno) e con prodotti nati per intercettare i macrotrend del momento, come il biologico, il “free from” e il vegan. “L’andamento di queste referenze è positivo – conferma Cristina Cossa, Marketing Manager Rigoni di Asiago, che propone la Nocciolata bio anche nella versione senza latte e in quella con il 30% di zuccheri in meno – purché il consumatori vi trovi un reale vantaggio nutrizionale e la corrispondenza ai valori promessi”.

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo