Turismo slow (e green) in primavera: in cammino attraverso il Veneto e nelle Marche in bicicletta

TRA VILLE E BORGHI

Dal mare alla montagna tracciati e cammini da fare a piedi e sulle due ruote per vivere en plein air l’esperienza di questi due territori

di Giambattista Marchetto

default onloading picVilla Valmarana ai Nani (foto Cammini Veneti)

Dal mare alla montagna tracciati e cammini da fare a piedi e sulle due ruote per vivere en plein air l’esperienza di questi due territori

4′ di lettura

Se i trend globali del turismo sono slow e green, l’Italia si adegua mettendo in vetrina un’offerta sempre meno “ingenua” e oggi orientata alla valorizzazione dei paesaggi, dei borghi, delle tipicità. In particolare, nel Veneto dei capannoni e delle rotatorie c’è ancora spazio per un turismo sostenibile e di scoperta non solo sulle montagne, attraversate da una miriade di sentieri, ma tra campagna e collina. Anche le Marche giocano la carta del territorio “vergine”, poco battuto e tutto da scoprire sulle due ruote. Con la primavera che si avvicina, dunque, i weekend sono buoni per vivere en plein air l’esperienza di questi due territori.

I Cammini veneti tra pianura e collina
In Veneto sta lentamente emergendo la consapevolezza di quanto possano essere attrattivi cammini lunghi e ben tracciati. E se ci sono associazioni impegnate nella valorizzazione delle esperienze cultural-naturalistiche, anche la Regione si sta muovendo e a gennaio ha approvato una legge dedicata proprio alla promozione del turismo dei cammini.

Quello che da Venezia stanno cercando di fare è mettere a sistema percorsi già esistenti, più o meno strutturati in termini di tracciato e contenuti collaterali. Come il Cammino Fogazzaro Roi, curato dall’associazione Cammini Veneti per far conoscere e apprezzare la parte della provincia di Vicenza che si snoda fra Montegalda e Tonezza del Cimone. Il percorso tocca luoghi e ville cantati dallo scrittore vicentino Antonio Fogazzaro e cari al pronipote, il marchese Giuseppe Roi, un “diplomatico” della cultura e della bellezza della terra veneta nel mondo. «Percorrendo il Cammino di (e più Santiago in Spagna, la Via Podiensis in Francia, la Via Francigena e il Cammino di Anaunia in Italia, mi son convinto che la stessa sensazione di meraviglia e armonia possa essere vissuta anche nella nostra terra, sebbene molto antropizzata, a condizione di poter camminare in sicurezza per più giorni», è la premessa del presidente di Cammini Veneti Andrea Cevese.

In cammino tra monti e laguna a portata di app
Nella mappa veneta ci sono poi tracciati che rimandano a tradizioni religiose, come il Cammino di Sant’Antonio, che sulle tracce dell’ultimo pellegrinaggio del santo percorre i 24 km tra il santuario di Camposampiero e la Basilica a lui dedicata nel cuore di Padova; esiste anche un “Lungo Cammino” che prosegue fino al santuario de La Verna, nei boschi dell’aretino. E ugualmente il Cammino di S. Martino promosso dall’Unione Pro Loco, che attraversa quasi tutte le province venete, e il Cammino da San Marco a San Marco, che lungo 230 km crea un ponte tra Venezia e il lago di Garda. Hanno invece un’origine religiosa che si incrocia con l’evoluzione laico-commerciale la Romea Strata, che collegando le terre germaniche a Roma si dirama nel Nordest con direttrici verso il Brennero o verso Tarvisio; la Via Claudia Augusta, antica strada romana che dall’Adriatico e dalle pianure del Po attraversando le Alpi portava fino al Danubio; il Cammino delle Dolomiti, un anello che dall’area Feltrina porta alla Valbelluna, passando per l’Agordino, l’Ampezzano, Comelico, Cadore e Alpago. E infine il Cammino del Marin Sanudo, attualmente in fase di elaborazione, curiosa ricostruzione di un percorso che da Portobuffolè arriva a Venezia e poi prosegue attraverso Padova, Vicenza, Soave, Verona fino a Peschiera sul Garda, ripercorrendo un “itinerario per la terraferma” descritto nel 1483 dal diarista veneziano. Per scoprire gli itinerari green del Veneto, da percorrere a piedi, in bici, con sci e ciaspole sulla neve, oppure anche a cavallo, la Regione ha lanciato una app dedicata – Veneto Outdoor – realizzata con tecnologia Open Data e già dotata un database di partenza di circa 400 fra percorsi, itinerari e sentieri, spesso sconosciuti.

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo