Far nella memoria delle vittime delle Fosse Ardeatine

Medicina legale

Sulla piattaforma Vimeo un film documentario di propaganda comunista, Giorni di gloria , imperniato sull’attentato partigiano di via Rasella

di Gilberto Corbellini

default onloading pic(Riccardo De Luca / AGF)

Sulla piattaforma Vimeo un film documentario di propaganda comunista, Giorni di gloria , imperniato sull’attentato partigiano di via Rasella

4′ di lettura

Sulla piattaforma Vimeo si può guardare un film documentario di propaganda comunista, Giorni di gloria , imperniato sull’attentato partigiano di via Rasella (23 marzo 1944), l’eccidio delle Fosse Ardeatine (24 marzo 1944), il processo con l’esecuzione del questore di Roma Pietro Caruso (21 settembre 1944), l’esumazione e identificazione dei cadaveri seppelliti con l’esplosione (11 luglio-30 novembre 1944) e le reazioni popolare a quei fatti.

Le sequenze furono girate da Giuseppe De Santis, Marcello Pagliaro, Mario Serandrei e Luchino Visconti. Visconti diresse le riprese del processo al questore Caruso, condannato alla fucilazione insieme al torturatore Koch, e al suo assistente Roberto Occhetto, che registravano le prime fasi del raccapricciante linciaggio di Donato Carretta, direttore del carcere di Regina Coeli fino alla liberazione di Roma. Pagliaro e Sarandei girarono le riprese alle Fosse Ardeatine, tra cui gli scavi per riportare alla luce i 335 corpi assassinati dai nazisti e le indagini della polizia scientifica per dare un nome ai cadaveri devastati dall’accatastamento, dall’esplosione per nascondere l’eccidio e dalla decomposizione.

Il libro

Un libro curato da Alessia A. Glielmi ricostruisce il lavoro di identificazione delle salme trucidate e pubblica l’inventario analitico completo del fondo multitipologico, composto da documenti e da oggetti denominato Commissione tecnica medico-legale della Scuola Superiore di Polizia per il riconoscimento e identificazione delle vittime delle Fosse Ardeatine (1944-1963). Il fondo si trova presso l’Ufficio Storico della Polizia di Stato ed è composto da 18 faldoni che contengono 338 fascicoli, che a loro volta constano di 7362 unità documentali e 462 oggetti. La Commissione Esecutiva Interalleata per le Fosse Ardeatine fu istituita l’11 luglio 1944 dal Commissario della Regione di Roma, sotto la presidenza del sindaco di Roma Filippo Doria Pamphili. La direzione dei lavori fu affidata a al medico legale Attilio Ascarelli e al questore della polizia scientifica Ugo Sorrentino.

Le vittime identificate dalle Commissione furono 325 e delle dieci rimaste allora anonime, sei hanno ritrovato il loro nome durante il lavoro di inventariazione. Tre restano ignote. L’ultima fase di indagine, che ha portato alla creazione dell’Archivio Biografico Virtuale delle vittime delle Fosse Ardeatine, consentito l’individuazione di documenti mai analizzati prima e la ricomposizione dell’intero panorama di fonti sulla strage; fonti di grande rilevanza, ritenute per la maggior parte disperse, e che, viceversa, sono state rintracciate in almeno dieci sedi diverse, in Italia e all’estero, dove versavano in uno stato di notevole disordine a causa della loro decontestualizzazione. Si tratta in primis di ciò che rimane dell’archivio dell’Aussenkommandì del Sichereitsdienst (SD, Servizio di sicurezza) e della Sicherheitsdienst polizei (SIPO, Polizia di sicurezza): documenti prodotti dagli uomini di Herbert Kappler a cui venne affidata l’organizzazione e l’esecuzione della strage. SD e SIPO alloggiavano a Roma vicino la Basilica di San Giovanni in Laterano, nella caserma/carcere di via Tasso, dove fu rintracciato il nucleo documentario che scampò ad un incendio appiccato prima dell’arrivo degli Alleati.

L’indagine investigativa sui cadaveri, dato che di questo si trattò con il dispiegamento di tutte le tecniche identificative che utilizzava la scuola italiana di polizia scientifica, partì dalla documentazione recuperata da Giuseppe Dosi presso l’archivio del comando tedesco dopo la fuga dei nazisti nella notte fra il 3 e il 4 giugno 1944, tra cui l’elenco originale delle vittime mandate a morte. Dosi, il cui nome storicamente è legato alle indagini sul caso Girolimoni che gli costarono mesi di reclusione e alla nascita dell’Interpol, fu un personaggio significativo nella storia della polizia italiana per capacità e visione. I documenti ritrovati nel suo archivio privato hanno consentito di accertare i nomi di alcune vittime fino a quel momento ignote, che nel frattempo sono state mappate a livello genetico. Alcuni tentativi sono stati fatti di usare le informazioni genetiche per identificare gli ignoti, ma la mancanza di corrispondenza tra il numero della vittima e quello del sarcofago ha ingannato le ricerche fino a quando, elenchi originali alla mano, confrontati con identificativi assegnati durante le indagini e il seppellimento, è stato possibile venire a capo di alcune incognite.

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo